Alimentazione: e Buon Umore

Il rapporto fra alimentazione e salute mentale è bidirezionale. L’alimentazione infatti influisce sul Sistema Nervoso quando ci troviamo in carenza o eccesso di cibo, e lo stato mentale può portare ad un rapporto patologico con il cibo quando si verificano condizioni di anoressia o bulimia.

La colazione: studi dimostrano che la colazione può influenzare i processi mentali coinvolti nella creazione e nel recupero dei ricordi e nelle capacità di gestire informazioni complesse e impegnative soprattutto in bambini e adolescenti (Gentile S., 2010).

L’alimentazione ha forti influenze sull’umore, infatti è collegata a sentimenti di felicità, soddisfazione, prontezza ed energia così come il sollievo da sentimenti di depressione, ansia, colpa o inadeguatezza. Ad esempio piccole o moderate quantità di alcol hanno un effetto stimolante e di miglioramento dell’umore, mentre grandi quantità possono portare malinconia e depressione; la caffeina migliora il livello di attenzione e vigilanza, mentre abusarne può accentuare distrazione e nervosismo (Rogers, Demoncourt, 1998).

Lo stato emotivo e l’umore sono regolati dall’equilibrio dei neurotrasmettitori quali la serotonina e le beta-endorfine, fortemente influenzati dall’assunzione degli zuccheri: un pasto di carboidrati e zuccheri con un basso apporto di proteine ha un’azione antidepressiva e rilassante. La serotonina derica dall’aminoacido triptofano di cui ne sono ricche uova, formaggio, agnello, sardine. Gli effetti positivi dati dagli zuccheri sono immediati e di breve durata e alcune persone possono sviluppare un’assuefazione ai carboidrati che li obbliga a farne un uso sempre maggiore: questa condizione è definita “craving da carboidrati” (Christensen, Pettijohn, et al., 2001). Il “craving da carboidrati” può portare ad un aumento di peso. Si può essere più soggetti ad esso quando ad esempio smettiamo di fumare o durante la sindrome pre-mestruale.

La serotonina non è legata solo all’alimentazione ma anche ad attività aerobiche e sportive all’esposizione alla luce solare, all’innamoramento, alla meditazione.

L’alimentazione moderna, basata su cibi raffinati ci fornisce molte calorie ma non è detto che sia sufficiente da un punto di vista nutrizionale, per garantirci un buono stato di salute fisica e mentale. Pensiamo ad esempio al “cibo spazzatura” costituito da alimenti troppo ricchi di additivi aromi, grassi e poveri di vitamine.

Oggi nella scelta del cibo, si dà importanza ad aspetti come prezzo, gusto, aspetto estetico e dolcezza che invece dovrebbero essere marginali e questo può portare ad un’alimentazione poco equilibrata in cui prevale un eccesso di calorie. Spesso la fretta nella scelta del cibo ci porta a non leggere bene le etichette nutrizionali riportate sui prodotti o a non servirsi da negozianti che garantiscono la provenienza e la freschezza dei prodotti, ma una cattiva alimentazione va ad impattare con il benessere psicofisico.

La dieta mediterranea rimane ancora un’alimentazione raccomandata.

Quindi una dieta sana ed equilibrata deve rappresentare uno stile di vita per un buon equilibrio fisico e psichico.

Articoli correlati:

- Dieta: i cibi del buon umore

 

Gentile, S. (2010). Alimentazione e salute mentale. Aspetti bioetici. Università di Torino.

Rogers PJ, Dernoncourt C. Regular caffeine consumption: a balance of adverse and beneficial effects for mood and

psycomotor performance. Pharmacol Biochem Behav 1998; 59:1039-45.

Christensen L, Pettijohn L. Mood and carbohydrate cravings. Appetite 2001; 36: 137-45.

Written by

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam libero diam, elementum eget porttitor at, tincidunt at nulla.